Category Archives: Senza categoria

parco “BOSCOSAURO” ad ALTAMURA

Nuovo parco naturalistico dei dinosauri “Boscosauro” ad Altamura

LOCALITA’: TENUTA SABINI – S.S. 96 km 93,500, presso la cava di pietre INGRESSO DIREZIONE ALTAMURA-BARI

ALTAMURA  – Sarà presentato alla stampa e alle autorità il nuovo parco divertimenti  Boscosauro di Altamura in provincia di Bari.Infatti, mercoledì 5 luglio 2017 alle ore 18:00 tutti gli operatori della Comunicazione (Giornalisti ed Emittenti televisive), nonché  le Autorità e i Rappresentanti istituzionali saranno presenti alla presentazione del Parco naturalistico BOSCOSAURO, allestito nella Tenuta Sabini che si estende su una superficie complessiva di 240 ettari, ricca di querceti e pascoli.

Finalmente si è concretizzato nell’azienda agricola di famiglia il sogno dei due fratelli: Rosa e Gianfranco, col sostegno e l’approvazione del padre Pietro Ninivaggi, noto imprenditore locale.

Riprodotti 25 esemplari di dinosauri di varie specie ad altezza naturale, sistemati lungo un percorso ludico-ricreativo-didattico che si snoda nella vasta area naturalistica di 7 ettari.

Alcune ricostruzioni sono posizionate in forma statica, mentre altre sono animate da speciali meccanismi elettronici che ne imitano suoni e movimenti  di coda, di testa e di occhi.

Questa rappresentazione scenografica ricrea l’habitat di quei giganti della preistoria.

Il grande complesso, immerso nel cuore dell’Alta Murgia a 560 metri di altitudine, è destinato alla fruizione di bambini, scolaresche, studenti, gruppi familiari e di singole persone che vorranno godere di un momento di relax.

Le guide plurilingue accompagneranno i visitatori lungo un itinerario fiabesco ricco di emozioni. Sono state allestite anche aree di sosta per picnic sotto una folta boscaglia.

Il punto di ristoro, la mostra con dipinti di dinosauri realizzati dal pittore altamurano Giuseppe Dilena, il laboratorio didattico per bambini, le strutture coperte per convegni, oltre all’ampio parcheggio, daranno il WELCOME AL BOSCOSAURO.

Vi aspettiamo a questo evento eccezionale che arricchirà in modo esponenziale l’offerta turistica del nostro territorio. BOSCOSAURO diventerà un potenziale attrattore anche per viaggiatori e turisti stranieri in transito per Matera 2019.

La posizione strategica del complesso posto ai margini della superstrada a 4 corsie in fase di completamento, la cui apertura funzionale sarà a breve, agevolerà notevolmente tutti i visitatori.

L’APERTURA AL PUBBLICO E’ PREVISTA PER LUNEDI’ 10 LUGLIO 2017 ORE 09:30

“Festival dei Claustri” ad Altamura: 17e18 giugno 2017

i claustri (tipici cortili del centro storico altamurano) ospiteranno per un weekend artigianato, danza, giochi, libri laboratori, mostre, musica teatro, verde rubano.

La fruibilità e la godibilità del centro storico e dei claustri ha la finalità di contribuire ad una nuova visione urbanistica che nel recupero comprende la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni.

CAVA DEI DINOSAURI APERTA ENTRO IL 2019

Entro il 2019 potrebbe riaprire la cava dei dinosauri di Altamura, sito di importanza mondiale dove nel 1999 furono scoperte oltre 50 mila impronte di rettili vissuti 70 milioni di anni fa.

La cava, di proprietà privata, è stata recentemente acquisita nel patrimonio culturale ed è stato così stanziato un milione di euro per la messa in sicurezza e la tutela delle orme. L’annuncio è stato dato oggi in occasione dell’open day organizzato dal segretario regionale del Mibact, Eugenia Vantaggiato, che ha elencato i numerosi cantieri aperti in Puglia e ha spiegato come sono stati spesi nel 2016 i19 milioni di euro stanziati dal Governo per tutti gli interventi in Puglia.
L’incontro è stato anche l’occasione per capire cosa prevedono i progetti di recupero della cava e se davvero nei pressi sorgerà un parco giochi a tema come per altro annunciato nei mesi scorsi dal primo cittadino Giacinto Forte.

IL TESORO DI ALTAMURA : IL PANE DOP

IL PANE DI ALTAMURA DOP
PDO ALTAMURA BREAD
www.panealtamuradop.it
Il Pane di Altamura è l’alimento simbolo
della cultura agropastorale dell’Alta Mur

gia. La sua è una storia millenaria: la prima
testimonianza scritta di questo prodotto
risale addirittura al I secolo a.C: è il poeta
latino Orazio a menzionarlo nelle proprie
Satire, dove lo definisce “il pane miglio

re del mondo”, tanto che i viaggiatori ne
portavano con sé una bella scorta prima di
mettersi in cammino. Lo stesso facevano
pastori e contadini prima di partire per pa-
scoli e campi. Anticamente questo tipo di
pane veniva impastato dalle donne tra le
mura domestiche, marchiato con le inizia

li del capofamiglia, e portato a cuocere in
forni pubblici.
UN’ANTICA TRADIZIONE
AN OLD TRADITION
The tradition of the Altamura bread has its
roots in the old agricultural and pastoral cul-
ture of the High Murgia territory. The first
written record of this product dates back to
the Ist century (B.C.). The Latin poet Hora-
ce in his “Satyrs” defined it the best bread in
the word, such that the travelers used to tote
it on their journeys. Shepherds and peasants
did the same before leading the flock to pa

sture or going to work in the fields. In ancient
times, women would knead loaves at home
and bake them at public wood-burning fur

naces, after marking each piece of dough
with the initials of the head of the family.

GRANDE FESTA MEDIOEVALE – FEDERICIANA 28 – 29 – 30 aprile – 1 maggio 2017

L’edizione 2017 di Federicus apre un nuovo triennio di progetti, iniziative, rievocazioni. La scelta del tema è stata ispirata da un verso del XIV canto del Purgatorio di Dante in cui il poeta rimpiange Le DONNE e ‘ CAVALIER, li AFFANNI e li AGI di un mondo, ormai sulla via del tramonto, fatto di amore, gentilezza, coraggio e cortesia.
Questo è l’anno de Le DONNE e ‘ CAVALIER : raccontare l’amor “fino” significa addentrarsi in uno dei temi più vivi del Medioevo. La società cortese fu la risposta laica al dominio culturale della Chiesa attraverso un nuovo modo di concepire valori e ideali.
La figura del cavaliere incarna non più e non soltanto virtù militari e guerresche come la prodezza, l’onore e la fedeltà, ma anche virtù civili quali liberalità, magnanimità e misura. La nobiltà è quella del cuore e non del sangue.
La donna diventa il simbolo e il soggetto intorno a cui ruota questo nuovo sistema, la fonte da cui dipartono e si originano i comportamenti più alti e gentili.
Rime, narrazioni, riti, cerimonie di investitura, feste, giostre e tornei, giardini incantati, amori languidi e segreti animeranno per tre giorni la festa medievale altamurana riportandoci indietro al tempo di quei nobili ideali.

festa del cioccolato a Matera dal 25 al 28 Febbraio

Festa del Cioccolato: Matera 25 – 28 febbraio 2017
10 febbraio 2017 materalink cioccolato, festa, nazionale
Share
festa_del_cioccolatoIl Tour delle Feste Nazionali del Cioccolato arriva a Matera per la seconda edizione
La città ospiterà i Maestri Cioccolatieri provenienti da tutta Italia che daranno vita a degustazioni, laboratori didattici e spettacoli per bambini.

Dal 25 al 28 febbraio 2017 Capitale del Cioccolato aspettando la Capitale della Cultura.

Piazza Vittorio Veneto ospiterà questa attesissima tappa del Tour che tocca le più importanti città d’Italia.
Ingresso Gratuito

San Valentino

La festa degli innamorati è vicina ed “Il Claustro” piccolo albergo diffuso, attende i suoi ospiti con delle sorprese a tema.
La direzione augura a tutte le coppie BUON SAN VALENTINO

passeggiata sulla murgia

ALTAMURA – GIOVEDÌ 19 GENNAIO 2017 CULTURA
Parco nazionale dell’Alta Murgia

Torre dei Guardiani ad Altamura
Il primo appuntamento del 2017 prevede la visita della necropoli de “La Mena” e del bosco Pompei.

Tweet
+1

Escursione ad Altamura: necropoli de “La Mena” e bosco Pompei © www.centrovisitatorredeiguardiani.com
di LA REDAZIONE

Domenica 22 gennaio appuntamento con la prima escursione del 2017 a cura del Centro visita “Torre dei guardiani”, che si terrà in territorio di Altamura, alla scoperta della necropoli de “La Mena” e del bosco Pompei.

Si tratta di una semplice passeggiata in una zona estremamente interessante, collocata ai margini di un querceto autoctono residuo dell‘Alta Murgia. I motivi di interesse sono molteplici, a partire dal paesaggio, con la vista che spazia sino alla costa barese e al mare, passando per la presenza di tombe a tumulo nell’area della cosiddetta necropoli de “La Mena”, coeve alle più note sepolture di San Magno. Esse sono ben celate tra le rocce e la vegetazione prativa e l’inverno è la stagione più adatta per poterle scovare. Si passa poi per antichi tratturi e strade storiche e per i piccoli stagni carsici denominati “Pozzo di Rota”.

Si tratta di un’escursione di circa cinque chilometri, su percorso ad anello, particolarmente semplice, anche per l’assenza di dislivelli e pendenze. Si cammina su mulattiere e piccoli sentieri. Si parte alle 9.30 e si torna alle 12.30 circa. Il costo è di 5 euro per gli adulti, gratis per i bambini fino a 12 anni.

Per partecipare è necessario prenotarsi chiamando il numero 080.3743487 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.30) oppure inviando una mail all’indirizzo prenotazionitorredeiguardiani@gmail.com, indicando il numero dei partecipanti e contatto telefonico del referente del gruppo. E‘ possibile prenotarsi entro e non oltre le 12 di oggi. Si verrà ricontattati dallo staff del Centro visita per eventuali informazioni pratiche. L’evento potrà essere annullato nel caso in cui non si raggiunga il numero minimo di partecipanti o in caso di avverse condizioni climatiche.

Una maestosa “Cavalcata” per scortare la Madonna del Buoncammino

Come da consuetudine nella prima Domenica dopo Ferragosto ha avuto luogo la “Cavalcata” lungo le arterie principali di Altamura, rientrante nei festeggiamenti in onore della Madonna del Buon Cammino, compatrona della città.

In attesa dell’ambita sfilata dei cavalli, si è svolta nel tardo pomeriggio la tradizionale “Asta della Bandiera”: a conservare il prezioso stendardo, simbolo di devozione alla Santa Madre, per la durata di un anno sarà Patella per una somma pari a €9.000,00.

Intorno alle ore 21.00, ha avuto ufficialmente inizio la manifestazione, molto amata dalla cittadinanza e intrigante per i turisti più curiosi, i quali hanno affollato ambo i lati delle strade del lungo percorso – da via Bari, proseguendo per via Vittorio Veneto, via Gravina, via Garibaldi, Corso Umberto I, Corso Vittorio Emanuele II, Piazza Unità D’Italia, Corso Federico II di Svevia fino a Piazza Duomo, dov’è giunta poi alla sua conclusione.

Circa un centinaio i cavalli partecipanti alla sfilata – ciascuno dei quali esibiva un proprio numero identificativo – adornati con selle e briglie ricche di particolari, montati da cavalieri in camicia bianca, pantaloni neri e cintura di raso rossa per scortare al “passo” in corteo la Statua della Madonna del Buoncammino, posta invece sull’ultimo carro con dei bambini trainato da quattro splendidi esemplari di buoi maremmani. Nel corso della Cavalcata, il primo cittadino ha consegnato le chiavi della città alla Madonna del Buoncammino, affidate fino al 12 Settembre, giorno in cui la statua, dalla Cattedrale, ritornerà al Santuario.

Da rilevare l’impegno delle Forze dell’Ordine nel garantire la sicurezza ed il regolare svolgimento della manifestazione, e dell’assistenza sanitaria costantemente attiva.